Autore Topic: Fighter ram  (Letto 3035 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline eros sonvilla

  • Bùoritto
  • ***
  • Post: 121
  • Newbie
Fighter ram
« il: 08 Agosto 2012, 08:27:24 am »
Lama in N690 spessore 5.
Lunghezza lama 194.
Lunghezza totale 334.
Manicatura in montone con tubicino inox e pin mosaico.









Eros Sonvilla

Offline Ziozeb

  • Admin - Mod
  • Gayo Maximo
  • *********
  • Post: 29.198
    • http://www.denismura.com
Re:Fighter ram
« Risposta #1 il: 08 Agosto 2012, 08:33:21 am »
Molto bello!
Denis Mura
   ...

Offline Burro

  • Sventrapapere
  • *********
  • Post: 9.827
  • West Coast Grand Duke of Tuscany
Re:Fighter ram
« Risposta #2 il: 08 Agosto 2012, 08:42:31 am »
Lavorone. Mi spaventano certe molature, in più di un senso.
Mi domando come sarebbe col codolo rastremato...
Andrea Burroni
Phava datata.

Offline Wehrwolf

  • Trombaspose
  • ********
  • Post: 2.582
  • Il gatto è il più gentile degli scettici.
Re:Fighter ram
« Risposta #3 il: 08 Agosto 2012, 12:12:32 pm »
Una vera lama per la setta degli As-Shashin, di medievale e mediorientale memoria... splendido lavoro!
Il maestro chiese: “Chi ti ostacola?”. L’allievo: “Nessuno mi ostacola”. Replicò il maestro: “E allora, che bisogno c’è di cercare la liberazione?”.


Gianfranco Antoniutti

Offline Wehrwolf

  • Trombaspose
  • ********
  • Post: 2.582
  • Il gatto è il più gentile degli scettici.
Re:Fighter ram
« Risposta #4 il: 08 Agosto 2012, 12:21:28 pm »
Una breve nota OT   :smoking:  sugli Assassini (o Nizariti) sopra indicati; per curiosità:
'Note sui Nizariti [modifica]

Condizionamento psicologico [modifica]
Come la maggior parte delle sette, che indottrinano i propri adepti attraverso tecniche di persuasione spesso piuttosto dure sia fisicamente che psicologicamente (privazione del sonno, rescissione dei legami con la famiglia), anche i Nizariti utilizzarono tecniche proprie (la promessa di un mondo migliore, la devozione per la guida spirituale), aggiungendovi l'uso di droghe, tra cui l'hashish, ma probabilmente anche vino, oppio e varie solanacee, come il giusquiamo.
Si dice che Ḥasan ibn al-Ṣabbāḥ rapisse coloro che desiderava divenissero suoi adepti - uomini forti e abituati a combattere - facendo loro credere che erano morti e giunti in Paradiso, con l'aiuto di droghe, di una scenografia incantata, di fanciulle bellissime e di grandi quantità di vino. Una volta risvegliati dal torpore, Ḥasan ibn al-Ṣabbāḥ spiegava loro che ciò che essi credevano un sogno non era stato che un'anticipazione del Paradiso, che era loro garantito se fossero morti per il loro maestro.
La descrizione di questo durevole metodo di condizionamento, che sarebbe stato assai avanzato per l'epoca, viene soprattutto dalla leggenda che sorse attorno ai segreti di Alamūt. In Occidente, la pretesa visita di Marco Polo alla fortezza - narrata probabilmente più sulla base della leggenda che per esperienza diretta - è stata a lungo considerata una fonte affidabile. Ma tale visita si svolse nel 1273, quando la fortezza di Alamūt era già stata distrutta dalle truppe mongole. E del resto la descrizione della droga usata evoca piuttosto l'alcol o gli oppiacei, che l'hashish, soprattutto per la sindrome da astinenza.
Comunque sia, questo condizionamento psicologico spinto sarebbe stato applicato soltanto ad un numero ridotto di iniziati ( fidāʾiyyīn ), e non alla maggioranza dei fedeli, maschi o femmine che fossero.
Etimologia [modifica]
Nella tradizione, il termine "assassino", che designa anche la setta, deriverebbe da hashish. In effetti, in arabo "mangiatori di hashish" si dice ḥaššāšīn o ḥašāšīn (حَشَّاشِين o حشاشين). Questa ipotesi etimologica è tuttavia contestata da alcuni arabisti e da alcuni scrittori, come Amin Maalouf che nel suo romanzo Il manoscritto di Samarcanda ne dà un'etimologia diversa e certamente meno evocatrice, facendolo derivare da asās, che significa "basi, fondamenti".
Il maestro chiese: “Chi ti ostacola?”. L’allievo: “Nessuno mi ostacola”. Replicò il maestro: “E allora, che bisogno c’è di cercare la liberazione?”.


Gianfranco Antoniutti

Offline Burro

  • Sventrapapere
  • *********
  • Post: 9.827
  • West Coast Grand Duke of Tuscany
Re:Fighter ram
« Risposta #5 il: 08 Agosto 2012, 12:41:07 pm »
Se fosse bastato l'hashish, a quest'ora avremmo l'esercito più potente del mondo dopo l'Olanda e l'Inghilterra. ;D
Dici bene, quando metti in mezzo oppio e erbe potenti varie. Ma sopratutto l'acool. Prendi un contadino del 1000 di Agadir. Lo gonfi bene bene. Siccome non è abituato, crollerà in tre minuti.
Quando si sveglia dal coma, si trova in un posto normale e con delle donne.
Gioco fatto. Vai. Ammazza tutti. E' Dio che te lo dice. E poi, sei immortale. >:D
Andrea Burroni
Phava datata.

Offline Ziozeb

  • Admin - Mod
  • Gayo Maximo
  • *********
  • Post: 29.198
    • http://www.denismura.com
Re:Fighter ram
« Risposta #6 il: 08 Agosto 2012, 01:55:18 pm »
 :offtopic: :offtopic: :offtopic:
Denis Mura
   ...

Offline Milko_Di_Paco

  • Sventrapapere
  • *********
  • Post: 5.445
  • OKKIO al DE' PACCO!
    • DI PACO KNIVES
Re:Fighter ram
« Risposta #7 il: 08 Agosto 2012, 11:47:18 pm »
Pensate al coltello!!!!  >:D

Bravo eros un bel lavoro veramente ben rifinito!!!!!  code[vecchino.gif]

Milko Di Paco "DE' PACCO"
http://www.dipacoknives.it/it/


TI AUGURO 5 MINUTI DI INTELLIGENZA PER CAPIRE QUANTO SEI IDIOTA!

Offline SK Dora

  • Sventrapapere
  • *********
  • Post: 9.496
Re:Fighter ram
« Risposta #8 il: 09 Agosto 2012, 08:42:12 am »
piace molto anche a me!! lo avrei visto però meglio con la punta rialzata in stile persiano! sarebbe stata la morte sua  ;D
Filippo A. Chonchol
------------------------
è il nostro amico, il nostro partner, il nostro difensore, è il nostro cane. Noi siamo la sua vita, il suo amore, il suo capoobranco. Egli sarà tuo e fedele fino all’ultimo battito del suo cuore. Lo dobbiamo a lui di essere degni di tanta devozione


Offline darrex

  • Leccapòtte
  • *****
  • Post: 543
  • Ciao
    • darrex.net
Re:Fighter ram
« Risposta #9 il: 09 Agosto 2012, 05:27:08 pm »
Bravo Eros, hai fatto bene a finirlo.
E' meglio di quello che immaginavo.
Dario Giacalone