Autore Topic: Maledette mostrine  (Letto 8877 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Manaresso

  • Bùoritto
  • ***
  • Post: 176
  • Newbie
Maledette mostrine
« il: 01 Giugno 2013, 10:55:44 am »
Maledette mostrine - La genesi

Ho imparato molte cose (ed è quello che più mi interessa) ho ottenuto dei risultati soddisfacenti; nel senso che sono riuscito in quello che mi ero prefisso (ovviamente aldilà della qualità assoluta del risultato su cui mi direte voi). Nonostante ciò, quella che segue è la cronaca di un fallimento.

Poco più di un anno fa ho scoperto Dietmar Kressler e i suoi lavori. E’ stato come sbattere addosso ad un muro, c’è qualcosa nei suoi lavori che mi affascina. Darei un mignolo per poter impugnare ed ammirare un suo coltello.

Decido quindi di scimmiottare qualcosa di suo. Non ho assolutamente i mezzi per fare un integrale, anche se so che c’è chi ci è riuscito con flessibile, lima e molta pazienza. Io, ho preferito evitare. Decido anche di evitare di fare un codolo rastremato, per non mettere troppa carne al fuoco. Voglio concentrarmi sul montaggio delle mostrine, naturalmente sia anteriori che posteriori e, non contento, di provare a farci un lavoretto in più. Così, tanto per farsi del male…

L'idea è quella di fare qualcosa di simile a questo:

22

Parto con la lama:



E con le mostrine. Qui mi invento di alternare mostrina/fibra nera da 0,4/ottone da 0,8/fibra da 0,4/inox da 1,5mm. Le mostrine sono in Inox 416, un inox che trovo abbastanza facilmente lavorabile. L’insertino inox da 1,5mm è invece in 316 che a posteriori si rivela sensibilmente più coriaceo (già vi vedo che sogghignate sotto i baffi….)

Per non sbagliare decido anche di spinare con due pernetti da 2mm le singole parti per dare solidità. Questa è una mostrina smontata:



E queste sono le mostrine in sede di incollaggio (bicomponente UHU):



Non avendo la sensibilità che solo l’esperienza può donare, mi preoccupo di ottenere la migliore planarità sia delle mostrine che del manico in corrispondenza. Il mio obbiettivo ovviamente è di rendere l’accoppiamento il migliore possibile. Passo quindi le parti al “lapidello”:



Niente da fare quando riscontro le superfici sul piatto di una squadretta, le estremità si “alzano”, magari di pochi centesimi ma la luce passa. Ho tolto 1mm (lo spessore di partenza era 6mm) al “lapidello”, ma niente da fare. Fanculo; decido di accettare il rischio e confido sull’effetto “che ci do” quando le monterò a botte di martello.

Ci siamo, monto le mostrine con dei pernetti da 2mm.

Qui apro una parentesi:
 
Durante la mia incursione alla fiera di Livorno sia Milko che Riccardo mi danno ottimi consigli riguardo il montaggio delle mostrine. I loro approcci sono leggermente diversi per cui ritengo utile (dopo aver avuto il loro placet) condividerli:

1)   Mi pare che entrambi usino perni da 3mm (ma forse Milko ha utilizzato perni anche da 2mm, in questo momento non ricordo).
2)   Per dare robustezza all’assemblaggio, Milko svasa il foro con un cono ottenuto da un cacciaspine “conicizzato” molto dolce. Riccardo invece ripassa parzialmente il foro da 3mm con una punta da 3,2mm fino a metà altezza della mostrina.
3)   Entrambi sagomano le mostrine fino ad un livello quasi definitivo prima del montaggio.

Io, opto per la soluzione Milko semplicemente perché avendo il coltello già temprato con i fori da 2mm e non avendo punte da 2,2mm, la scelta è obbligata. La mia variante consiste nel fatto che ho usato una limetta a coda di topo dando un po’ di giri con mano leggera. Naturalmente proverò l’altra soluzione non appena userò perni da 3mm (molto presto).
A differenza loro però decido di lasciare le mostrine piatte, questo perché sono convinto che i colpi di martello saranno più efficaci se dati con il pezzo ben appoggiato sul piano, senza i giochi e “fuori asse” che un appoggio inclinato può dare. Mi espongo però al rischio di scoprire che i perni nella parte più interna delle mostrine non si sono allargati abbastanza, possibilità da non scartare a priori dato che dovrò togliere circa 2mm di materiale. Vabbè, diciamo che fa parte dell’esperimento.

Questo sono le mostrine dopo la battitura dei perni (perni naturalmente in inox 416 come le mostrine).





Procediamo con le guancette di radica di thuya (e sicuramente bella, mi ha un po’ deluso, la facevo più dura)



e vai di raspa, lima e carta (tanta carta...), alla fine il risultato è questo:





Il nome del coltello doveva essere “Dietmar mon amour” ma è diventato “Maledette Mostrine”, il motivo sarà presto chiarito nella seconda puntata: "Maledette mostrine - La Nemesi".

Hasta siempre

Maurizio Manzoni



Imparare senza pensare è inutile, ma pensare senza imparare è pericoloso (Confucio)

Offline orlandi

  • Leccapòtte
  • *****
  • Post: 695
  • Newbie
Re:Maledette mostrine
« Risposta #1 il: 01 Giugno 2013, 11:29:26 am »
questo utente ha chiesto la rimozione dei suoi post

Offline Simone Foglia

  • Trombaspose
  • ********
  • Post: 2.253
  • A fat bald dude with a bad temper.
Re:Maledette mostrine
« Risposta #2 il: 01 Giugno 2013, 11:42:51 am »
E ti lamenti?  >:D
A me piace parecchio e mi sembra ben fatto!
Sai cos'è? Ci prefiggiamo obiettivi alti ma spesso dimentichiamo che gli stessi mostri sacri da qualche parte avran cominciato, sbagliando parecchi pezzi pure loro. E, mi ci gioco le balle, scommetto che ancora adesso qualche pezzo lo devono rifare diverse volte prima di riuscire.

PS: abbiamo lo stesso lapidello  ;D
Simone Foglia

http://sfknives.blogspot.it/

"La libertà non è star sopra un albero
 non è neanche avere un’opinione
 la libertà non è uno spazio libero
 libertà è partecipazione." G.G.

Offline silale

  • Sventrapapere
  • *********
  • Post: 5.178
  • Newbie
Re:Maledette mostrine
« Risposta #3 il: 01 Giugno 2013, 11:56:43 am »
Sicuramente hai fatto un grandissimo lavoro code[applausi.gif] code[applausi.gif] però, forse sono le foto, ma c'è qualcosa che non mi convince, forse non lo hai finito(non ho capito bene), ma trovo mostrine e manico troppo quadrati e piatti, non so se mi sono spiegato, comunque per il primo che fai con questa tipologia, chapeau!!!
Rampini Silvano

La vita è come un campo di fave,
ti devi mettere a 90 gradi, per raccoglierle,
ed arriva sempre qualcuno ad incularti...
ma se vuoi mangiare...

Bubu

  • Visitatore
Re:Maledette mostrine
« Risposta #4 il: 01 Giugno 2013, 02:22:38 pm »
Grande Lavoro vecchio, non di facile esecuzione ,mi illuminerai per l'errore che attualmente , sono rincoglionito ultimamente, per il resto bravo e grazie per la condivisione ,utile a chi vorrà cementarsi su una tipologia complessa tipo questa. Bravo Maurizio e complimenti code[applausi.gif] code[applausi.gif] code[bravo.gif] code[brinda birra.gif]

Offline Tigre

  • Bùoritto
  • ***
  • Post: 103
  • Newbie
Re:Maledette mostrine
« Risposta #5 il: 01 Giugno 2013, 02:38:25 pm »
Gran lavoro sicuramente! Bravo Maurizio, aspetto con ansia di vedere il sequel  ;D
Andrea Cogo

Offline mr.wolf

  • Spanabùi
  • *******
  • Post: 1.967
Re:Maledette mostrine
« Risposta #6 il: 01 Giugno 2013, 03:35:14 pm »
Il coltello è molto molto bello e sembrerebbe ben riuscito. Son curioso di leggere la seconda parte per capirci di più...
Comunque l'unica modifica che ci vedrei su questo coltello, sono i bolster e il manico leggermente più stondati, come sono adesso sono molto piatti.

Offline DOC

  • Spanabùi
  • *******
  • Post: 1.631
  • De gustibus non est disputandum
Re:Maledette mostrine
« Risposta #7 il: 01 Giugno 2013, 07:50:45 pm »
mi piacerebbe tanto potermi lamentare dopo aver fatto un coltello così, ma tanto tanto :coke-sniff:

Paolo Bucalossi

Offline Moreno

  • Strappamutande
  • ****
  • Post: 360
Re:Maledette mostrine
« Risposta #8 il: 02 Giugno 2013, 03:44:41 pm »
nemesi: "simbologia di giustizia e di punizione dell'egocentrismo attraverso le alterne vicende della storia"  >:D >:D


forse dalle nosrtre parti abbiamo mangiato troppe particole benedette da piccoli e vediamo sempre il sacrificio come fattore di crescita.....personalmente più che il corpo ho sempre preferito il sangue...a litri...bianco di Valdobbiadene possibilmente!! 
 code[partydance.gif] code[pickle.gif] code[pickle.gif] code[partydance.gif]

Aspetto notizie sulla redenzione

Moreno Feltresi

Offline mknife

  • Sventrapapere
  • *********
  • Post: 4.133
  • Newbie
Re:Maledette mostrine
« Risposta #9 il: 02 Giugno 2013, 06:49:06 pm »
ti ho già scritto di redimerti.... ;D

è un bel coltello, finiscilo!!! >:D
Riccardo Mainolfi
www.mainolfiknife.com


Offline ifrizzi

  • Smantrugiafìe
  • ******
  • Post: 989
  • Newbie
    • www.frizzi-knives.com
Re:Maledette mostrine
« Risposta #10 il: 02 Giugno 2013, 07:24:35 pm »
quello che mi piace è il tuo proposito di miglioramento continuo, il non accontentarsi, diceva Frank Centofante" chi non vede la differenza non produce la differenza" o comunque il concetto era questo, quindi tu vedi i tuoi difetti quindi sei destinato a migliorarti, a me piace nell'insieme molto, forse avrei fatto la punta meno arrotondata ma sono miei gusti.
leo
Leonardo Frizzi
www.frizzi-knives.com

Offline Milko_Di_Paco

  • Sventrapapere
  • *********
  • Post: 5.445
  • OKKIO al DE' PACCO!
    • DI PACO KNIVES
Re:Maledette mostrine
« Risposta #11 il: 02 Giugno 2013, 08:33:20 pm »
ti ho già scritto di redimerti.... ;D

è un bel coltello, finiscilo!!! >:D

Idem con patatine................  ;D

Milko Di Paco "DE' PACCO"
http://www.dipacoknives.it/it/


TI AUGURO 5 MINUTI DI INTELLIGENZA PER CAPIRE QUANTO SEI IDIOTA!

Offline Manaresso

  • Bùoritto
  • ***
  • Post: 176
  • Newbie
Re:Maledette mostrine
« Risposta #12 il: 03 Giugno 2013, 03:18:40 pm »
“Maledette Mostrine” - La nemesi

Intanto, ringrazio tutti per l’attenzione e la pazienza. Proseguo con qualche foto di dettaglio e concludo.

Ricordo che l’obbiettivo era fare buoni accoppiamenti lama/mostrine (sennò mica usavo il lapidello!) e vedere come venivano i perni.

Tre facce su quattro hanno i perni completamente invisibili, son contento.  Un perno si intravede appena sulla mostrina anteriore sinistra. Evidentemente non ci ho dato abbastanza, ma nel complesso mi vien da dire che l’esperimento è riuscito.









La variante di montare le mostrine ancora “piane” non ha portato al temuto problema dell’affioramento dei perni mano a mano che si grattava. Bene.

Il “wafer” acciaio/fibra/ottone invece, in certi punti non è uscito perfetto, è come se la fibra nera sia stata “consumata” dalla lavorazione stessa. Questi insertini hanno richiesto un sacco di lavoro ed attenzioni per un risultato che alla fine magari può non piacere o lasciare indifferenti.


E poi..., poi, cazzo, possono capitano queste cose:



Mi ero accorto che quel pernetto era un po' più alto ma ritenevo di avere i margini. Quando è affiorato, mi ha ha sentito sacramentare anche Kressler lassù in Todeschìa. Un sacco di tempo e lavoro buttato nel cesso. Ho spento tutto, sono rientrato a casa e ho chiesto a mia moglie di:  code[Kicking3.gif].

Morale: per un po' farò mio il precetto di un famoso architetto che recita: ”La decorazione è un delitto” e fanculo le mostrine!



Maurizio Manzoni



Imparare senza pensare è inutile, ma pensare senza imparare è pericoloso (Confucio)

Offline mr.wolf

  • Spanabùi
  • *******
  • Post: 1.967
Re:Maledette mostrine
« Risposta #13 il: 03 Giugno 2013, 03:24:38 pm »
Si ok, non è perfetto.................

.........ma cazzo, è una bellezza!

E poi la perfezione è di pochi.

Però mi sembra un problema risolvibile, consumi un mm ancora, o uno e mezzo e fai sparire quel "coso" dalla mostrina.

Offline mknife

  • Sventrapapere
  • *********
  • Post: 4.133
  • Newbie
Re:Maledette mostrine
« Risposta #14 il: 03 Giugno 2013, 03:46:41 pm »
Si ok, non è perfetto.................

.........ma cazzo, è una bellezza!

E poi la perfezione è di pochi.

Però mi sembra un problema risolvibile, consumi un mm ancora, o uno e mezzo e fai sparire quel "coso" dalla mostrina.

se consuma affiora ancor di più! l'unica e rimuovere la "mostrina".... e quindi le due "mostrine", realizzare nuovamente quella che ha presentato il problema e procedere alla nuova spinatura.
Riccardo Mainolfi
www.mainolfiknife.com